RayBan 4286 Occhiali da Sole Uomo Blu Gold Pink Gradient Mirror 55 Occhiali da Sole Uomo Blu Gold Pink Gradient Mirror ySysFq

SKU22719471
Ray-Ban 4286, Occhiali da Sole Uomo, Blu (Gold Pink Gradient Mirror), 55

Ray-Ban 4286, Occhiali da Sole Uomo, Blu (Gold Pink Gradient Mirror), 55

Questo prodotto è NUOVO, IMBALLATO. Verrà spedito con corriere espresso, generalmente entro 48 ore dalla conferma del pagamento.
100 Occhiale Speedtrap Matte White Hiper Iceberg 0tmrxUv
Email RayBan Rb 3447 Occhiali da Sole UnisexAdulto Nero Black 50 mm 50 mm Nero (Black) ezAX5jeN5
Occhiale Da Sole Chopard Schb 68s 316k cIPTIT
Ray Ban Mod 7031 5400 Demigloss Dark Blue 5317140 Occhiali Eyeglasses Brille M8sPKqJE
LinkedIn

I segmenti Google Analytics permettono di portare alla luce enormi potenzialità nascoste del vostro sito ecommerce, scavando tra i dati sul traffico. Oggi vi spiegheremo come fare, iniziando da 5 utilissimi segmenti.

Partiamo dal fatto che Google Analytics è simile a un iceberg : resta sommerso per il 91%. Il restante 9% è la piccola parte delle sue funzionalità che normalmente utilizziamo, monitorando il numero di visitatori e le entrate giornaliere del nostro sito.

Quindi il grosso del suo potenziale resta nascosto sotto la superficie, in attesa di essere scoperto.

Uno dei modi migliori per familiarizzare con le funzioni più complesse è quello di iniziare dai segmenti Google Analytics, sia semplici che avanzati.

Prima di tutto: cosa sono i segmenti Google Analytics?

Avete presente quando mangiamo le Smarties separandole per colore, in modo da lasciare quelle rosse alla fine? È quella che sia chiama “segmentazione”; ed ogni colore rappresenta un segmento.

I segmenti Google Analytics permettono di utilizzare i dati raccolti per approfondire ed estrarre informazioni.

Ad esempio: vi chiedete in cosa differiscano gli utenti da mobile rispetto a quelli da desktop? Creando un segmento “mobile” e un segmento “desktop”, potrete consultare i report comparando i rispettivi dati e identificando le differenze comportamentali esistenti tra i due gruppi.

Osservate che i segmenti Google Analytics sono soggetti ad alcuni limiti :

Segmenti Google Analytics per utenti, sessioni e hit

Prima di proseguire, è importante che comprendiate come si suddividono i segmenti Google Analytics. Sono di tre tipi:

Pertanto, un singolo utente può generare più sessioni ed ogni sessione può comprendere diverse hit.

Ora, ipotizziamo che vogliate selezionare gli utenti con una spesa superiore a € 300 sul vostro sito. Ammettiamo che l’utente A abbia speso € 50 durante una sessione ed € 250 durante un’altra sessione e che invece l’utente B abbia speso € 300 in un’unica sessione. In un segmento con filtro per utenti sarebbero inclusi entrambi. Invece, in un segmento con filtro per sessione sarebbe incluso solo B.

Iniziate a capire la differenza?

Poi, naturalmente, i segmenti con filtro per hit comportano un ulteriore restringimento del campo; includono interazioni più specifiche, come visualizzazioni di pagina, attivazione di un video, transazioni, ecc.

Tenete presente che i segmenti utenti si possono applicare soltanto ad un arco temporale di 90 giorni al massimo. Se doveste tentare di impostare la segmentazione per un arco di tempo superiore, questo verrebbe ridotto; fate attenzione, poiché la riduzione avviene in automatico, quindi potrebbe sfuggirvi.

Segmenti semplici

I segmenti semplici includono:

Segmenti avanzati

Nella vostra console di Google Analytics, sotto ai segmenti semplici trovate i segmenti avanzati:

Ad esempio, se volete capire quanto la lettura della pagina “Chi Siamo” influisca sulle entrate del vostro negozio, potete usare queste condizioni:

Le sequenze sono particolarmente interessanti per noi del settore ecommerce; ad esempio, ipotizziamo che vogliate isolare le persone che hanno abbandonato il carrello acquisti:

Noterete che i segmenti avanzati offrono semplicemente più flessibilità, più spazio per la personalizzazione. Condizioni e sequenze richiedono per la loro creazione una conoscenza di Google Analytics più approfondita rispetto ai segmenti semplici.

Perché i segmenti Google Analytics sono importanti?

Quando aprite Google Analytics, vedete i dati aggregati di tutti i vostri visitatori; questo è utile per avere velocemente il polso della situazione, ma ricordate il proverbiale iceberg. Esistono molte informazioni nascoste sotto la superficie, oltre i dati aggregati.

Se non analizziamo minuziosamente i dati con i report personalizzati e i segmenti Google Analytics, perdiamo completamente quel 91% di informazioni che resta “sommerso”.

In più, chi già ricorre ad AdWords o a Marc Jacobs Marc by MMJ 200 60Y Eb Occhiali da Sole Caso Kk7NwJ
per testare e migliorare il proprio sito, può davvero usare i segmenti a proprio vantaggio. Una volta isolato un segmento, lo può usare come base di pubblico .

Ipotizziamo che abbiate isolato i carrelli abbandonati, procedendo secondo l'esempio sopra riportato. Ora, potrete facilmente lanciare una campagna di remarketing su AdWords , offrendo a quegli utenti uno sconto sugli articoli nel loro carrello (o qualsiasi altra strategia che valutate possa sortire buoni effetti sul vostro pubblico).

Come creare un segmento Google Analytics

Rimarreste stupiti se vi dicessi che avete già dei segmenti Google Analytics pronti per voi?

Aprite Google Analytics e, su “Pubblico - Panoramica”, cercate il bottone Aggiungi segmento in alto:

Cliccate su quel bottone e visualizzerete i vostri segmenti:

Nella colonna a sinistra “Segmenti Vista”, troverete le seguenti opzioni:

Selezionando “Sistema”, troverete una serie di segmenti preconfigurati per voi da Google Analytics:

Naturalmente, potete anche iniziare a costruire una categoria personalizzata. Per farlo, cliccate sul bottone “Nuovo Segmento”. La schermata successiva dovrebbe apparirvi piuttosto familiare:

Ora sta a voi decidere se creare un segmento semplice o un segmento avanzato.

Notate che ogni filtro ha la sua icona aiuto (?) a fianco, utile nel caso doveste avere dei dubbi.

Non appena inizierete ad applicare dei filtri, vedrete che il pannello di sintesi sulla destra inizierà a modificarsi:

Vi mostrerà la percentuale di utenti che avete isolato e i dati aggiornati per utenti e sessioni; in più vi indicherà gli specifici filtri che avete applicato.

Una volta soddisfatti del segmento, assegnategli un nome (inserendolo nel campo in alto sulla sinistra) e cliccate sul bottone “Salva”.

In seguito, vi basterà selezionare i filtri desiderati e cliccare il bottone “Applica”:

In questo modo, otterrete un report basato sui dati segmentati con i criteri selezionati.

5 segmenti Google Analytics da provare

Se non siete soddisfatti dei segmenti Google Analytics preimpostati, niente paura. Potete sempre ricorrere alla Prada 0PR58OS 5AV1V1 Occhiali da Sole Uomo Grigio Gunmetal/Bluee 55 55 Occhiali da Sole Uomo Grigio (Gunmetal/Bluee) Prada 0PR58OS 5AV1V1 dfGJpgp5
, importando alcuni segmenti creati da altri:

Usate i filtri nella colonna a sinistra per selezionare i segmenti personalizzati con un rating più alto.

In alternativa, potete provare a creare un paio dei miei segmenti Google Analytics preferiti.

1. Utenti che hanno / non hanno effettuato acquisti

Confrontare gli utenti che hanno compiuto acquisti e gli utenti che non hanno effettuato nessun acquisto non è lo stesso che confrontare i segmenti preimpostati relativi a “conversioni” e “non conversioni”.

Infatti, se avete impostato su Analytics anche obiettivi diversi dalle vendite, il vostro report sugli acquisti sarà diverso rispetto a quello sulle conversioni.

Quindi, potreste creare due nuovi segmenti personalizzati, focalizzati esclusivamente sulle entrate generate dal sito. Una volta fatto, potrete iniziare a raffrontare i comportamenti dei due segmenti.

Cosa fanno di diverso gli utenti che compiono acquisti rispetto a quelli che non compiono acquisti? Riuscendo a rispondere a questa domanda, potrete ottimizzare il vostro negozio, per incoraggiare comportamenti positivi degli utenti e concludere più vendite.

Ad esempio, se notate che vi sono più probabilità di acquisto tra coloro che hanno letto il vostro rispetto a coloro che non lo hanno, potete:

Naturalmente si tratta solo di un esempio. La lista è infinita.

Confrontate anche coloro che hanno / non hanno fatto acquisti da dispositivo mobile. Raccomando sempre di tenere separati questi dati rispetto a quelli relativi agli utenti da desktop, essendo le rispettive user experience estremamente diverse.

2. Clienti occasionali / clienti fissi

In un mondo ideale, i vostri clienti dovrebbero tornare ripetutamente sul vostro sito, per compiere sempre nuovi acquisti. Siete d'accordo? Chiameremo questi clienti ideali “clienti fissi”.

Nella realtà, sono pronta a scommettere che avete molti clienti occasionali. Non è grave, anzi è così per la maggior parte dei negozi. La ritenzione della clientela non è un obiettivo semplice da raggiungere.

Tuttavia è bene chiedersi: cos'è che differenzia i nostri clienti occasionali dai clienti fissi? In cosa differisce il loro comportamento? Guardano parti diverse del sito? Si soffermano su pagine diverse? Provengono da fonti di traffico differenti? Oppure approdano al sito da campagne di email marketing differenti?

Create due nuovi segmenti personalizzati e lo scoprirete:

Questo sarà il vostro segmento di clienti fissi. Creerete anche un segmento per coloro che hanno solo una transazione.

Poi, potrete iniziare a comparare i due segmenti. L’obiettivo è di riuscire a scoprire cosa differenzia questi due gruppi; e poi si tratterà di incoraggiare i compratori occasionali a dimostrare un comportamento positivo, simile a quello dei clienti abituali.

Se riuscirete in questo intento, sarete molto avanti rispetto alla concorrenza.

Il bello di tutto questo è che il costo per “riacquistare” un cliente esistente è più basso rispetto al costo di acquisizione iniziale. Giusto, no? Potete spendere € 10 per acquisire un nuovo cliente tramite gli annunci Facebook . Ma potreste portarlo a compiere un secondo acquisto al costo di un’email.

In conclusione, se riuscite a risolvere i problemi di ritenzione della clientela con questo metodo, il vostro vantaggio sarà .

3.Carrelli abbandonati (e fonte di traffico degli utenti che abbandonano il carrello)

Forse quando camminate per il supermercato, notate carrelli abbandonati ovunque? Certo che no. L'abbandono del carrello non è normale. Anche se online è diventata una normale prassi quella di riempire e abbandonare lo shopping cart.

Se l’abbandono del carrello è un fenomeno frequente nel vostro sito, probabilmente esiste un problema relativo alla user experience; oppure l’utente tende ad usare il carrello come semplice mezzo di comparazione.

Quest’ultima è una faccenda a parte. Quindi, focalizziamoci sui problemi dell'esperienza utente. Può trattarsi di problemi generali, o specifici per una fonte di traffico.

Sì, gli utenti che arrivano al nostro sito da Facebook sono abbastanza diversi da quelli che provengono da Google. Di conseguenza, si aspettano (e hanno bisogno) di una diversa esperienza utente. Sono anche spinti da motivazioni differenti, hanno un diverso livello di intent, ecc.

Pertanto, potete creare un segmento Google Analytics personalizzato per ciascuna delle vostre maggiori fonti di traffico:

Poi fate un’analisi accurata. Se notate che l’abbandono del carrello è più frequente per una di queste fonti, come ad esempio Twitter, cercate degli indizi. Cosa porta i visitatori Twitter all'abbandono del carrello quando stanno per spendere nel vostro negozio?

Potete ripetere lo stesso processo per analizzare il comportamento degli utenti che desistono dall’acquisto in un momento successivo; ad esempio, nel bel mezzo del processo di pagamento.

Queste ricerche vi daranno un vantaggio extra, gettando luce su quali siano le vostre fonti di traffico più redditizie; così, potrete concentrare i vostri sforzi su di esse, sfruttandole al meglio.

4. I clienti migliori

Ipotizziamo che il vostro ordine medio sia di € 200. I clienti migliori sono quelli che spendono due o tre volte quell'importo. Può essere utile isolare tale fascia di clienti, per capire chi sono e scoprire come si comportano.

Innanzitutto, più conoscete riguardo questo segmento, meglio potete targettizzarlo nelle future campagne di acquisizione. Inoltre, potete ottimizzare il vostro negozio e le campagne di ritenzione per incoraggiare la clientela media a comportarsi nello stesso modo dei clienti migliori.

Da quali campagne arrivano questi clienti? Quali parole chiave li conducono al vostro sito? Da quali fonti di traffico provengono? Quali prodotti acquistano? Comprano un paio di prodotti costosi, oppure molti prodotti non costosi?

Create dei segmenti personalizzati sulla base delle entrate per scoprirlo:

5. Lunghezza della keyword

Il traffico organico e a pagamento probabilmente rappresenta una consistente fonte di clientela per il vostro negozio. Può essere utile scavare più a fondo, per capire:

Ad esempio, quale differenza c’è tra un utente che trova il vostro negozio digitando “moda” e un utente che vi trova cercando “vestiti estivi rossi e bianchi”?

Per rispondere a questa domanda, dovete creare una serie di segmenti per le parole chiave. Eccone uno per parole chiave composte da quattro termini:

Ora questa è un' espressione regolare che ho preso da Avinash anni fa. Se invece volete identificare parole chiave composte di tre termini anziché di quattro, potete usare questa espressione regolare:

^\s*[^\s]+(\s+[^\s]+){2}\s*$

Riuscite a individuare qual è il pattern? Il valore numerico nell’espressione regolare corrisponde al numero di parole nella query di ricerca, meno uno. Ecco l'espressione regolare per le parole chiave composte da cinque termini:

^\s*[^\s]+(\s+[^\s]+){4}\s*$

Ecco dove diventa davvero utile. Se volete isolare parole chiave con oltre, diciamo, 10 parole, aggiungete semplicemente una virgola all'espressione regolare:

^\s*[^\s]+(\s+[^\s]+){9,}\s*$

Questo consentirà di mostrare le keyword con 10 e più parole chiave.

Create quattro segmenti e applicateli per ottenere una migliore comprensione del vostro traffico di ricerca.

Quali sono le parole chiave che generano più entrate per il vostro negozio? State puntando sulle parole chiave più redditizie? I contenuti del vostro blog aziendale sono incentrati sulle parole chiave giuste?

Conclusione

Ora che avete una migliore comprensione di quel che giace sotto la superficie, potete iniziare a guadagnare anche dal 91% nascosto di Google Analytics.

Com’è evidente, accedere a Google Analytics una o due volte al mese permette di avere semplicemente alcune informazioni. Mentre, per acquisire delle conoscenze da mettere seriamente a frutto, occorre sporcarsi le mani e scavare più a fondo.

È tutta una questione di personalizzazione e di analisi. Ed è qui che i segmenti Google Analytics semplici e avanzati entrano in gioco.

Esistono letteralmente migliaia di segmenti tra cui scegliere, anche se qui mi sono limitata a evidenziare i cinque che preferisco.

E voi quali segmenti di Google Analytics usate per portare alla luce le gemme preziose nascoste tra i dati analitici del vostro ecommerce?

Utenti

Partiamo dal principio che una talk ha per tema la stessa pagina a cui fa riferimento. A questo principio sfuggono le talk dei progetti, che invece, per definizione, si occupano innanzitutto di altre pagine (e solo secondariamente della pagina cui la talk fa riferimento).

Ecco quindi un elenco dei modi in cui collocare una discussione in base ai diversi namespace.

Tanto il progetto sui portali che quello sui progetti sono due normali progetti di servizio o, se si vuole, sottoprogetti di Christian Dior Diorliner HA UGM Christian Dior Diorliner HA UGM Occhiali da Sole Donna Oro Hvn Rose Gold/Brown Sf 56 56 Occhiali da Sole Donna Oro (Hvn Rose Gold/Brown Sf) Q9lhBwt
.

Un altro punto. Per segnalare interventi o proposte, dovremmo abituarci a linkare il diff o il rinvio a sezione con permalink o l'archiviazione farà via via sballare tutti i collegamenti e ricostruire il filo delle discussioni diverrà molto difficile. A meno che non si affidi ai soli admin il compito di archiviare le discussioni (possono infatti spostare con soppressione del redirect - che poi ripristineranno selezionando nella crono). La cosa non mi pare praticabile. Proposta: istituire un gruppo di cambusieri, che possono fare questa operazione *esclusivamente di archiviazione* (viene insomma loro concesso il potere di cancellare, ma lo possono usare solo in questo contesto, pena la rimozione immediata del flag). Se così fosse, le archiviazioni taglia e incolla verrebbero abolite. Fantawiki? No, cerchiamo di capire che il nostro progetto ha una decina di anni alle spalle ma magari 100 davanti, 1000... Allora cerchiamo di ragionare su un piano lungo. -- RayBan Occhiali da sole 0rb4068 RB4068 Rettangolari Nero601 Black optaeHHn2x
15:28, 16 mar 2013 (CET)

Al momento abbiamo uno strumento che permette di vedere le ultime modifiche che avvengono su Wikipedia e impostando il namespace "Discussione" è possibile vedere solo gli interventi nelle discussioni (vedi ). Esiste o sarebbe possibile creare uno strumento simile che restringa il campo solo alle discussioni che fanno capo alle voci di una certa categoria e relative sottocategorie? La mia domanda nasce dal fatto che se avessimo uno strumento del genere penso sarebbe utilissimo nell'ambito dei progetti tematici, ad esempio gli utenti del progetto:Chimica potrebbero sapere quali sono state le ultime discussioni in tutte le voci che riguardano la chimica e parteciparvi. -- ZADIG amp; VOLTAIRE SZV011 Occhiali da Sole Donna Giallo Shiny Palladium Taglia unica Giallo (Shiny Palladium) ZADIG & VOLTAIRE SZV011 Occhiali da Sole Donna Taglia unica cQbEB
() 16:59, 16 mar 2013 (CET)

Smith Colette/N Ir N6T Occhiali da Sole Donna Nero Mtbk Bkfuchs/Grey Grey 55 Occhiali da Sole Donna Nero (Mtbk Bkfuchs/Grey Grey) fWlfx6RPzF
. -- pequod 22:49, 21 mar 2013 (CET)

Salve, ho creato dentro Polaroid Sun P7413 33W/JB6917122 Montature Unisex Adulto Shiny Red WRw0mYlYDb
una pagina relativa alla mia azienda e vi chiedo se ha i requisiti per diventare una voce di wikipedia. L'azienda è quotata in borsa, ha contribuito all'evoluzione tecnologica di elementi considerate voci enciclopediche ('gazebo', 'colonnina di ricarica' e 'stazione di ricarica per veicoli elettrici'), e alla creazione di nuove voci ('tunnel estensibile' che dovrò creare). Il titolare è anche un personaggio pubblico ha partecipato e continua a partecipare a trasmissioni di carattere politico come l'ultima parola su rai2. Infine, attraverso l'impegno a produrre nel campo delle rinnovabili e delle infrastrutture per le auto elettriche, dimostra di contribuire alla diffusione della cultura della difesa del patrimonio ambientale della nazione.

Contatti - Occhiali da Vista Stepper 60049 022 UjuwiOHS
- Rayban rb4346 9907o RayBan qg0D9l
Per la pubblicità su questo sito: http://www.edigma.it
Partner IT / Adv